I prezzi esposti sono IVA inclusa.

Olivicoltura

L’olio d’oliva fa bene alla salute in quanto protegge cuore ed arterie, rallenta l’invecchiamento cerebrale, previene l’arteriosclerosi, abbassa il livello di colesterolo “cattivo” (LDL) e incrementa il colesterolo “buono” (HDL), detto “spazzino delle arterie”, protetto dagli acidi grassi monoinsaturi di cui è ricco l’olio d’oliva, previene l’insorgenza di tumori e il deterioramento delle cellule. L’olio di oliva, che per la sua composizione acidica è simile al latte materno, è da sempre consigliato nello svezzamento dei bambini ed è utile nella vecchiaia perché favorisce l’assimilazione del calcio e la sua mineralizzazione, prevenendo l’osteoporosi. Un errore molto diffuso è che il miglior comportamento da tenere, per prevenire l’aumento del colesterolo ed in generale per godere di buona salute, sia l’adozione di una dieta il più possibile povera di grassi: un’alimentazione a basso tenore di grassi tende ad abbassare sia il colesterolo buono sia quello cattivo, con un evidente scompenso della funzionalità corporea.

Ulivi: come evitare parassiti e malattie - Amato per l’olio che produce, quanto per la bellezza del suo tronco e della sua chioma, l’ulivo (olivo) è una pianta piuttosto delicata. Anche se cresce a suo agio negli ambienti asciutti, un ulivo sano, forte e produttivo va annaffiato e curato costantemente. L’annaffiatura deve essere regolare, con sistemi a goccia o a micro-pioggia. E bisogna evitare i ristagni idrici, per cui tra un’annaffiatura e l’altro aspettate sempre che il terriccio sia asciutto. L’ulivo è una coltura che teme numerosi insetti (parassiti) e malattie (funghi, batteri), che attaccano la pianta o i suoi frutti soprattutto durante l’estate. Ma una buona cura agronomica, fatta di potature e concimazioni azotate, aiuta a evitare lo sviluppo di vari problemi. Anche il rame che va essere dato sulle chiome dopo ogni potatura fornisce una buona protezione preventiva. Ecco qui una lista degli agenti parassitari e delle patologie più comuni:

La mosca dell'olivo: attacca le olive e vi depone le uova. Le larve crescono così nella polpa, nutrendosi della stessa e provocando marciumi e disseccamenti. Le olive colpite presenteranno delle caratteristiche punture. Difesa: i fitofarmaci usati sono a base di Dimetoato. Può essere combattuta anche con insetti parassitoidi o entomoparassiti.

Cocciniglia mezzo grano di pepe: provoca defogliazione, disseccamento e fumaggini. Difesapuò essere contrastata con oli bianchi e fosforganici. Si previene con il rame e utilizzando strumenti sterilizzati.

La fumaggine: è spesso una conseguenza della presenza di cocciniglie. Le foglie e i tronchi si ricoprono di strutture fuligginose, solitamente untuose. Difesa: innanzitutto debellate le cocciniglie, poi irrorate con solfato di ferro.

La rogna dell'ulivo: Batterio piuttosto diffuso che produce formazioni tuberose sui rami, sulle foglie e sulle radici. Il batterio si trasmette sulle ferite aperte e si diffonde durante la potatura a causa di attrezzi infettati da altre piante malate. Difesa: potate i rami infetti, evitate l’abbacchiatura per raccogliere le olive, usate il disinfettante sulle ferite.

Disseccamento Rapido dell'Ulivocausato da vari agenti patogeni, fra cui la temuta Xylella fastidiosa, di cui ultimamente si sente parlare molto per gli ingenti danni che sta provocando. La Xylella fastidiosa è un batterio agente di malattie in numerose colture tra cui l’olivo ed è trasmesso da piccoli insetti cicadellidi. Insieme all’insetto Zeuzera pyrina e al fungo Phaeocremonium, è responsabile del Complesso del Disseccamento rapido dell’olivo (CDIRO), che si manifesta con un disseccamento delle foglie prima marginale, poi esteso a tutta la chioma, e con un imbrunimento del legno.

L'occhio di pavonescientificamente nota come "spilocea pleaginea", è un fungo che attacca le foglie e i frutti. Si presenta con macchie brune con la parte centrale più chiara. Difesa: prodotti a base di rame, uniti alla poltiglia bordolese. 

Glomorellaè causata dai ristagni idrici e provoca macchie scure e tondeggianti sui frutti, peggiorando la qualità dell’olio. Difesaprodotti a base di rame.

Per ogni tipo di consulenza mettiamo a disposizione l'esperienza pluriennale dei nostri agronomi. Potete contattarci tramite mail ed esporci il vostro problema: saremo lieti di darvi tutte le informazioni necessarie su come intervenire e risolvere ogni tipo di problematica inerente la coltivazione dell'ulivo.





Mostra:
Ordina per: